6 mesi fa

Google Annuncia Nuovi Metodi per Sostituire i Cookie di Terze Parti

Modificato il 2 Marzo 2021

Google continua a muoversi verso un mondo senza cookie di terze parti.
Google Privacy Cookie SandBox AdobeStock 289708907
Google: verso una effettiva riservatezza dei dati personali? © Chinnapong - stock.adobe.com

Dopo aver annunciato un anno fa l’intenzione di eliminare i cookie di terze parti, Google presenta lo stato di avanzamento del suo progetto “Privacy Sandbox” su cui sta lavorando in collaborazione con i partner dell’ecosistema. L’obiettivo: eliminare i cookie di terze parti sostituendoli con tecniche praticabili che garantiscano la privacy dell’utente, consentendo agli inserzionisti di continuare a offrire annunci personalizzati e mirati.

Lancio Dei Test per il Targeting per Gruppo (FLoC)

L’idea sarebbe sostituire il targeting individuale (che funziona con cookie di terze parti) con il targeting di gruppo tramite una nuova tecnologia pubblicitaria basata sugli interessi chiamata FLoC (Federated Learning of Cohorts). In concreto, l’uso delle coorti di pubblico consente di indirizzare gli utenti collettivamente piuttosto che individualmente con storie di navigazione e interessi simili.

Quando utilizziamo FLoC per raggiungere segmenti di pubblico di Google di affinità e sul mercato, i risultati indicano che, in media, gli inserzionisti possono aspettarsi di generare almeno il 95% delle conversioni per dollaro speso che avrebbero ottenuto attraverso il targeting basato sui cookie”

dice Chetna Bindra, Group Product Manager.

Secondo Google, dopo aver effettuato già diversi test, FLoC rappresenta “una soluzione efficace per sostituire i cookie di terze parti”. Le coorti basate su FLoC saranno rese disponibili da Chrome per test pubblici quando la prossima versione verrà rilasciata a marzo. I test con gli inserzionisti in Google Ads arriveranno nel secondo trimestre del 2021.

Creazione di Segmenti di Pubblico Senza Cookie di Terze Parti per gli Inserzionisti

Nell’ambito dell’iniziativa Privacy Sandbox, viene studiata anche la creazione del pubblico senza l’uso di cookie di terze parti per consentire agli inserzionisti di impostare il remarketing in un altro modo. Chrome offre una soluzione chiamata FLEDGE (precedentemente chiamata TURTLEDOVE), che introdurrebbe un server di terze parti di fiducia nel processo, al fine di memorizzare le informazioni sulle offerte e sui budget di una campagna.

Questa soluzione sarà disponibile per i test più avanti nel corso dell’anno e Google vuole lasciare la possibilità alle aziende di tecnologia pubblicitaria di utilizzare l’API con un modello in cui possono portare il proprio server. Google invita inoltre gli inserzionisti a partecipare ai test in Privacy Sandbox per garantire che le offerte pubblicitarie funzionino correttamente una volta rimossi i cookie di terze parti.

Altri Argomenti Studiati per Combinare la Gestione dei Dati e la Sicurezza

  • Misurazione delle conversioni: nei prossimi mesi Google svolgerà un lavoro per valutare come le API di misurazione delle conversioni possano essere utilizzate con i prodotti di misurazione di Google per affrontare casi d’uso quali: “Reporting delle conversioni dopo la visualizzazione, la determinazione dell’incrementalità e della copertura, così come la realizzazione delle attribuzioni. “
  • Prevenzione delle frodi pubblicitarie: a luglio Chrome ha avviato i test dell’API Trust Token, che verifica l’autenticità del traffico senza esporre l’identità delle persone durante la verifica. Una nuova versione sarà testata a marzo, soprattutto per migliorare il rilevamento delle frodi sui dispositivi mobili.
  • Anti-fingerprinting: Chrome ha recentemente lanciato una proposta chiamata Gnatcatcher, che mira a nascondere l’indirizzo IP di una persona per proteggere la sua identità, senza alterare il normale funzionamento del sito web. Questa soluzione continuerà ad essere studiata, al fine di proteggere gli utenti da tecniche nascoste che potrebbero tentare di identificare una persona attraverso il suo indirizzo IP.

I Metodi di Google Mettono Ancora in Discussione la Privacy

Google continua i suoi sforzi per mostrare una lavagna pulita quando si tratta di privacy, ma i suoi sforzi saranno sufficienti per convincere? Questa è la domanda. Eliminare i cookie di terze parti è una cosa, ma i nuovi metodi offerti da Google dovranno dimostrare il loro valore per convincere l’opinione pubblica e gli inserzionisti.

Alcune persone si interrogano in particolare sul metodo FLoC, menzionato sopra, che consente il targeting per gruppo, ma alla fine rimane piuttosto invadente. L’azienda americana dovrà quindi ancora lavorare sull’argomento per trovare un equilibrio tra le esigenze di editori e inserzionisti e le aspettative degli utenti, in un momento in cui la riservatezza dei dati è diventata un tema centrale.

Fonte : Google

Lila HNAT BENGUEDACH
Lila HNAT BENGUEDACH
PhD in memology with a soft spot for optimisation! I'm the owner of BL Digital, specialised in beautiful website that rank and convert. Passionate Trimix Diver too, Web Designer Creative, SEO Witcher, Q&A to the perfectionism, "Fus Ro Dah" tips expert. I love nothing more than connecting with others and sharing the things I am passionate about.

Modificato il 2 Marzo 2021

Potrebbe Piacerti Anche

  • Instagram
  • Pinterest
  • Messaggistica
  • SEO
  • Social Media
  • CyberSecurity
Facebook Sta per Aggiungere Nuove Funzionalità alla Sua Applicazione Business Suite 1

Facebook Sta per Aggiungere Nuove Funzionalità alla Sua Applicazione Business Suite

Lila HNAT BENGUEDACH Apr 15, 2021

Facebook aggiungerà la pianificazione delle storie, nuovi annunci e opzioni di “Scoperta Aziendale” alla sua piattaforma Business Suite.

Instagram Reels

La Guida Definitiva a Instagram Reels

Lila HNAT BENGUEDACH Feb 25, 2021

Presentazione di Instagram Reels: un nuovo modo per registrare clip da 15 a 30 secondi con musica su Instagram.

Instagram svela la nuova 'API per programmare i post

Instagram Svela la Nuova API per Programmare i Post

Lila HNAT BENGUEDACH Feb 02, 2021

Instagram consentirà alle aziende di pianificare fino a 25 post al giorno da piattaforme di terze parti.

Torna su